Lo smarrimento dell’uomo digitale

Condividi:

All’inizio della sua avventura sulla Terra, l’uomo era dominato dalla Natura di cui si sentiva succube e sfidato. Solo con l’Illuminismo è iniziata la ribellione a questo dominio fino alla convinzione di aver imbrigliato le forze della Natura e piegate alle proprie necessità.

La realtà dei disastri ecologici – effetto serra, desertificazione, cambiamenti climatici, inquinamento, avvelenamenti … – ha riportato l’uomo a ripensarsi come parte del Creato, parte di un tutto che ci sovrasta e di cui possiamo farne parte se rinunciamo alla nostra supremazia.

Le antiche domande ritornano prepotenti: «Che cosa sono io che sono un essere umano?» e «Qual è il mio posto nella natura delle cose?».

Per un’introduzione a questi problemi può essere utile la lettura dell’articolo Natura umana e filosofia antropo-digitale: noi siamo solo mente  di Achille De Tommaso.

Achille De Tommaso è laureato in Fisica Elettronica e ha lavorato per più di 40 anni nelle telecomunicazioni, fondando e dirigendo numerose ed importanti aziende tra le quali Colt, Infostrada, Nortel, Cable & Wireless Europa, Bell Canada Italia, Skylogic.

È stato, negli anni ’90, consulente della Commissione Europea, DG XIII per l’introduzione dei servizi di Electronic data Interchange in Europa per i quali contribuì ad una alleanza con l’Accademia delle Scienze sovietica.

Da nove anni è presidente di ANFoV di cui presiede anche il Comitato Tecnico.
ANFoV è un centro di studi e ricerche che si occupa di analizzare gli aspetti tecnologici e regolamentari dei nuovi servizi di telecomunicazione, producendo documenti e raccomandazioni ad uso degli associati e delle Istituzioni Pubbliche.

Nel 2011 ha fondato Aquarius Logica: un’azienda volta allo “scouting” di innovazione nelle nuove tecnologie.

De Tommaso è un cultore di Antropologia e Analisi comportamentale.

Condividi:
Sommario

Una nuova riflessione su : "Che cosa sono io che sono un essere umano?" e "Qual è il mio posto nella natura delle cose?", alla fine del XX secolo, e all'apertura di un nuovo millennio, sicuramente digitale

  • Questo articolo è interessante (0 no - 5 sì)?
User Rating: 0 ( 0 Votes )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.